Notiziario #3


I partecipanti al progetto Crethink hanno finalmente avuto la possibilità di incontrarsi durante un weekend a Copenaghen dal 9 all'11 Ottobre. A causa della situazione Covid19 in Europa è stato quasi impossibile viaggiare fino ad ora ma quando le cose sono cambiate i partner hanno deciso di cogliere l’opportunità per incontrarsi.
In seguito all’incontro, i partner hanno chiesto un feedback ai Change Agents sul viaggio a Copenaghen relativamente all’impatto che questo ha avuto sui progetti locali e su loro stessi a livello personale e professionale. Ecco cosa hanno risposto:

Pensieri dalla Danimarca

I Change Agents danesi hanno apprezzato la formazione e l'opportunità di incontrare e imparare dagli altri Change Agents. È stato molto stimolante ascoltare gli altri progetti e sentire di far parte di una comunità, di un progetto più grande che lavora per lo sviluppo sostenibile. È stato molto utile approfondire i diversi processi del progetto e scambiarsi consigli, buone pratiche e difficoltà affrontate, apprendendo anche che molte delle sfide sono condivise. Anche le visite sul territorio sono state molto interessanti, come la visita a Løs, dove hanno imparato qualcosa di nuovo sulla cultura e la mentalità danese riguardo alle abitudini di consumo. Anche gli esempi di Miljøpunkt su come comunicare e promuovere progetti e iniziative sono stati molto interessanti, e soprattutto il viaggio a Christiania ha lasciato un segno particolare. La conoscenza approfondita della storia e della cultura di Christiania e la comprensione delle abilità e competenze specifiche necessarie per mantenerla è stata molto stimolante.


Pensieri dalla Slovenia

Mojca: Stiamo raccogliendo nuove idee su come sensibilizzare la comunità locale a contribuire con donazioni alla piantumazione di alberi in aree pubbliche libere. Ho avuto ancora più motivazione nel progetto e conferma che siamo sulla strada giusta. Il nostro progetto dovrebbe essere ulteriormente divulgato facendo educazione sull'importanza degli alberi in città.

Viktorija: Dopo il viaggio a Copenaghen, abbiamo avuto più consapevolezza del potenziale che abbiamo nel nostro spazio (città) e quanto sia importante esserne consapevoli. Siamo fortemente motivati ​​come gruppo a realizzare cambiamenti concreti relativamente alla consapevolezza a dei cittadini sull'importanza degli spazi verdi in città. Adesso capisco il concetto di co-creazione in un modo diverso. Sono ancora più consapevole dell'importanza della comunicazione reciproca e della comprensione dei diversi punti di vista sui problemi.


Natalija: Il viaggio a Copenaghen è stato in un certo senso una conferma che le pratiche alternative/sperimentali basate sulla cooperazione tra attori diversi diventeranno sempre più importanti, se il nostro obiettivo è sviluppare spazi pubblici e semi-pubblici sostenibili e belli. La parte più importante del viaggio a Copenaghen per me è stata la possibilità di trascorrere più tempo con i membri del team, di conoscersi in modo più personale, che senza dubbio si tradurrà in un approfondito processo di co-creazione del nostro gruppo (nazionale e internazionale).


Pensieri dall'Italia

I Change Agents italiani hanno trovato grande ispirazione nella formazione a Copenaghen. Hanno ricevuto spunti molto utili per l'implementazione del progetto locale sia dalle visite alle buone pratiche locali che dalla città di Copenaghen in generale. In particolare la visita ai progetti di riqualificazione comunitaria ha permesso di raccogliere alcuni spunti pratici su come condurre attività di co-creazione e autocostruzione per il progetto di urbanistica tattica con gli studenti delle scuole di Palermo. Le pratiche democratiche attuate a Christiania hanno aperto la mente e hanno innescato una riflessione sull'importanza di garantire l'accessibilità economica e l'inclusione sociale nell'attuazione di soluzioni sostenibili. In ultimo ma non per importanza, anche l'incontro con tutti gli altri Change Agents e la condivisione di sfide comuni e buone pratiche tra i gruppi è stato utile per trovare sostegno e ispirazione. Questa parte della formazione ha anche stimolato la motivazione dei Change Agents nel progetto poiché hanno avuto un senso più concreto della sua dimensione europea e internazionale.


Dall'Islanda:

Per noi il viaggio in Danimarca è stata una grande lezione. Durante il viaggio abbiamo raccolto idee su come continuare il nostro progetto e visto da vicino quanto fossero diversi i progetti. Sebbene i progetti siano molto diversi, hanno in comune il fatto che ognuno di essi potrebbe essere replicato in più luoghi. Ovunque dobbiamo prenderci più cura dell'ambiente, ridurre gli sprechi e adottare un pensiero sostenibile. Prendere idee da altri gruppi su come raggiungere le persone, cosa funziona e cosa non funziona è stato molto istruttivo. Lavorare per ridurre gli sprechi come facciamo con Zero-Waste è un progetto eterno. Vedere con i nostri occhi come una piccola comunità come Christiania è molto avanti in termini di società sostenibile, ci ha dato un maggiore ottimismo sul fatto che possiamo andare oltre con il riuso e il riciclo di quanto già facciamo. Nella nostra piccola città di Hveragerdi, le persone tengono molto a come spendono i propri soldi, quindi è bello vedere come altri riescono a massimizzare l'uso delle cose vecchie contrastando l’accumulo di rifiuti. crediamo che potremo mettere a frutto la nostra esperienza e rendere il progetto Zero Waste ancora più radicato tra i cittadini di quanto non sia già stato fatto.


Inoltre, Anton dall'Islanda ha detto questo:

Personalmente, è stato divertente incontrare e conoscere altri partecipanti e vedere/ascoltare i loro progetti. È stato anche fantastico poter utilizzare il viaggio per incontrare alcuni membri della famiglia e quindi l’impatto ambientale!


Durante il viaggio il team islandese ha raccolto molte nuove idee, ad esempio come creare un piccolo angolo di riparazione nel centro commerciale locale a Hveragerdi per incoraggiare le persone a sprecare meno e riutilizzare di più dando alle loro cose una seconda vita. Inoltre, è stato bello vedere tutti questi piccoli giardini/aree comunitarie e ci ha dato idee in generale su come migliorare la nostra piccola città, anche se questo non è rilevante per questo progetto.

1 view0 comments

Recent Posts

See All